La fiaba agìta. Lo strumento pedagogico di BimboTeatro

Giulia Parrucci

La fiaba agìta di BimboTeatro è l’essenza del laboratorio perform-attivo sperimentale.

L’utilizzo delle azioni nella “fiaba agìta” di BimboTeatro stimola il bambino alla sperimentazione continua e alla ricerca di combinazioni motorie e immaginarie sempre più complesse che si strutturano attorno ad un fine o obiettivo da raggiungere.

Le storie sono molto vicine alle esigenze e al linguaggio del bambino

La fiaba agìta di BimboTeatro è l’essenza del laboratorio perform-attivo sperimentale. La fiaba si chiama agìta perché è realizzata per essere fruita in due modalità: quella dell’ascolto (fiaba) e quella dell’azione (agìta). Le storie sono molto vicine alle esigenze e al linguaggio del bambino, raccontano i suoi mondi e le emozioni che possono stare nel suo spazio immaginario. I personaggi sono molto vicini a lui: familiari e animali che intrecciano storie dense di piccole grandi emozioni. Le parole utilizzate si rivolgono alla sua capacità di dare senso alle cose e le immagini non portano con sé dettagli. Ho fatto questa scelta nelle immagini per rendere un incremento delle ambiguità delle figure e offrire al bambino l’opportunità di esprimere con maggiore libertà le sue risposte immaginative. Anche le parole dicono ma non dettagliano la storia, sono convinta che la storia debba essere orientata dal narratore più che determinata dallo stesso così che il bambino possa colmare il divario tra la percezione della storia con quelle sospensioni, paure, desideri, entusiasmi che pur non essendo immediatamente disponibili all’introspezione siano attivate nelle situazioni relazionali della sua vita quotidiana[…]